Il quadro giuridico di riferimento in materia di distacco internazionale si arricchisce di un nuovo tassello. E’ entrato, infatti, in vigore il decreto legislativo attuativo della Direttiva UE che stabilisce le condizioni di ingresso e soggiorno dei cittadini dei Paesi terzi - dirigenti, lavoratori altamente specializzati e lavoratori in formazione - nell’ambito di trasferimenti intra-societari.